La tristezza inutile.pdf

La tristezza inutile

none

Sfortunatamente, oggi, sabato, gennaio 2021, la descrizione del libro La tristezza inutile non è disponibile su squillogame.it. Ci scusiamo.

La Tristezza Inutile. Autore/i: Balestro Piero. Editore: Edizioni Paoline. presentazione dell’autore. pp. 168, Cinisello Balsamo (Milano) Del tanto dolore che ci intride, la gran parte si potrebbe evitare imparando a vivere diversamente; e il dolore «inevitabile» potrebbe essere meno sconsolato. È questa la “tristezza inutile” ossia quella che potrebbe essere evitata se solo si fosse centrati in sé stessi, se si avesse una diversa immagine di sé, non più vittime di una condizione di cui comunque non si è colpevoli e che risale all’infanzia, ma accettando il costo e la fatica che comporta la crescita, magari con l’aiuto di un professionista, se l’io risultasse eccessivamente ingombrato, oppure lavorando da soli …

1.63 MB Dimensione del file
9788821517815 ISBN
La tristezza inutile.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.donne4puntozero.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

DETTAGLI DI «La tristezza inutile» Tipo Libro Titolo La tristezza inutile Autore Balestro Piero Editore San Paolo Edizioni EAN 9788821517815 Data febbraio 1992 Peso 209 grammi Altezza 20 cm Larghezza 12,5 cm Collana I prismi La maggior parte delle persone avverte negatività, apatia, tristezza e nostalgia, ma anche insonnia e diminuzione della libido. Innanzitutto allora è importante accogliere le emozioni che arrivano, senza giudizio : il fatto che in un clima festoso ci si senta tristi o malinconici non significa che siamo “sbagliati” o che ci dobbiamo

avatar
Mattio Mazio

La tristezza e la depressione hanno molte caratteristiche comuni ma, allo stesso tempo, sono due concetti totalmente diversi. Vengono spesso confusi causando interpretazioni scorrette, che possono provocare malintesi. Per questo motivo, oggi vogliamo riportare le 4 principali differenze tra la tristezza e la depressione. Quando uno è triste non servono le classifiche, non c'è un tristometro, è inutile dire sto mediamente peggio di te o decisamente meglio di te, si diventa tutti ottusi ed egoisti e la propria tristezza diventa una grande campana in cui ci si chiude, per non ascoltare la tristezza degli altri.

avatar
Noels Schulzzi

La Tristezza Inutile. Autore/i: Balestro Piero. Editore: Edizioni Paoline. presentazione dell'autore. pp. 168, Cinisello Balsamo (Milano) Del tanto dolore che ci intride, la gran parte si potrebbe evitare imparando a vivere diversamente; e il dolore «inevitabile» potrebbe essere meno sconsolato.

avatar
Jason Statham

La tristezza inutile, Libro di Piero Balestro. Spedizione gratuita per ordini superiori a 25 euro. Acquistalo su libreriauniversitaria.it! Pubblicato da San Paolo Edizioni, collana I prismi, 1990, 9788821517815.

avatar
Jessica Kolhmann

È questa la “tristezza inutile” ossia quella che potrebbe essere evitata se solo si fosse centrati in sé stessi, se si avesse una diversa immagine di sé, non più vittime di una condizione di cui comunque non si è colpevoli e che risale all’infanzia, ma accettando il costo e la fatica che comporta la crescita, magari con l’aiuto di un professionista, se l’io risultasse eccessivamente ingombrato, oppure lavorando da soli … La tristezza è un’emozione, uno stato d’animo preciso che ci porta a rimanere immobilizzati per poterci capire un po’ meglio, per comprendere a fondo i nostri vuoti. La tristezza, a volte, si nasconde dietro ad un sorriso. È come un’eterna viandante che ci visita a suo piacere, ricordandoci che siamo umani e che dalle nostre debolezze, talvolta possono nascere grandi punti di forza.