Sudditi ribelli. Fedeltà e infedeltà politiche nella Roma di fine Settecento.pdf

Sudditi ribelli. Fedeltà e infedeltà politiche nella Roma di fine Settecento

Marina Formica

Sul finire del Settecento, lo scollamento tra governanti e governati emerso in tutta Europa con la Rivoluzione francese apparve come il segno della crisi dellassolutismo di antico regime. Roma è in proposito un osservatorio privilegiato: la complessità del conflitto tra i due corpi del papa mise in luce i contrasti di unidentità (di cittadini, di credenti) fattasi incerta. Il libro segue le fasi di un dibattito importante perchè introdusse linguaggi politici e pratiche sociali di radicale novità. Nel quadro di un potere pontificio che preferiva dare di sè unimmagine paternalista e conciliante più che repressiva e autoritaria, vengono analizzate la nascita e laffermazione del movimento rivoluzionario.

Era figlio di Giacomo e abitò nella vicinia di San Giovanni in Parma. ... si trasferì a Roma all'epoca dello sviluppo della fine del XIX secolo e fece fortuna nel ... del Seicento e del Settecento, in Dedalo IV 1923-1924, 604-608; J. ...

1.71 MB Dimensione del file
9788843028481 ISBN
Gratis PREZZO
Sudditi ribelli. Fedeltà e infedeltà politiche nella Roma di fine Settecento.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.donne4puntozero.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

di Storia della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli studi di Roma “ Tor Vergata”,. Facoltà di cui è ... 764) e Sudditi ribelli. Fedeltà e infedeltà politiche nella Roma di fine Settecento (Roma, Carocci, 2004, pp. 264)...

avatar
Mattio Mazio

Era figlio di Giacomo e abitò nella vicinia di San Giovanni in Parma. ... si trasferì a Roma all'epoca dello sviluppo della fine del XIX secolo e fece fortuna nel ... del Seicento e del Settecento, in Dedalo IV 1923-1924, 604-608; J. ...

avatar
Noels Schulzzi

Fedeltà e infedeltà politiche nella Roma di fine Settecento, Roma, Carocci, 2004 (vincitore del “Premio della cultura” per la saggistica, assegnato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l’informazione e l’editoria, 2004); Roma e lo Stato pontificio, Milano, Touring Club Italiano, 2006 - collana “L’Italia

avatar
Jason Statham

Roma 1798-1799 (Roma, Istituto per la storia del Risorgimento italiano, 1994, pp. 524),Il Misogallo romano (in collaborazione con L. Lorenzetti - introduzione di T. De Mauro -, Roma, Bulzoni, 1999, pp. 764) e Sudditi ribelli. Fedeltà e infedeltà politiche nella Roma di fine Settecento (Roma, Carocci, 2004, pp. 264) e con indagini critiche ... Fedeltà e infedeltà politiche nella Roma di fine Settecento, Roma, Carocci, 2004 (vincitore del “Premio della cultura” per la saggistica, assegnato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l’informazione e l’editoria, 2004); Roma e lo Stato pontificio, Milano, Touring Club Italiano, 2006 - collana “L’Italia prima dell’Italia” -; Roma e la Campagna romana ...

avatar
Jessica Kolhmann

Roma 1798-1799 (Istituto per la storia del Risorgimento italiano, 1994), Sudditi ribelli. Fedeltà e infedeltà politiche nella Roma di fine Settecento (Carocci, 2004) e Album italiano. Immagini e storie dall’Unità a oggi (Electa, 2011). Roma, dalla fine del Quattrocento alla fine dell'Ottocento, è una città-laboratorio. Un luogo dove, più che altrove, la storia locale diviene storia mondiale. Centro universale della cristianità e dell'orbe cattolico, capitale votata all'esaltazione della propria missione cosmopolitica, Roma resta però anche una città 'normale', il luogo di quel reticolo di relazioni, culturali